Archivi Blog

I 5 VIDEO PIU’ IMPRESSIONANTI DEL WEB (Vol. 2)

Internet è un oceano profondo. Uno strumento utilissimo, che è in grado di informarci, divertirci, incuriosirci e, a volte, spaventarci o quantomeno inquietarci. Una finestra sul mondo in grado di mostrarci tutto ciò che accade al suo interno, anche nei suoi aspetti più tristi ed impressionanti.

Nel mio articolo intitolato “I 5 video più impressionanti del web” vi parlai di alcuni dei filmati più impressionanti e destabilizzanti che si possono trovare in rete. Oggi vi parlerò di altri cinque filmati. Cinque video in grado di porci di fronte alla morte, alla follia ed alla disperazione.

ATTENZIONE – Sconsiglio la visione dei filmati ai più sensibili, in quanto contengono immagini e situazioni molto forti.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

Numero 5 – Ragazzo si tuffa e si rompe la testa

Questo video è presente su internet da moltissimo tempo. Un filmato amatoriale estremamente violento, non per le azioni che vengono commesse, ma per le conseguenze terrificanti di un gesto tanto impulsivo quanto stupido.

In una spiaggia, in Libano, alcuni ragazzi si trovano sul bordo di un bassa scogliera e, a turno, si tuffano in acqua. Uno dei ragazzi scivola poco prima del salto e colpisce di testa una piccola piattaforma di cemento utilizzata dai pescatori del luogo. In breve tempo l’acqua cambia colore, divenendo rossa a causa del sangue. Il corpo inerme del ragazzo galleggia a pancia in giù nel mare.

Il filmato subisce un taglio, e ci ritroviamo in un ospedale. Medici ed infermieri si stanno affannando attorno al ragazzo. Le sue condizioni sono spaventose. Il volto del giovane è stato completamente divelto. Diviso verticalmente in due metà. Una ferita allucinante.

zz

Il giovane è ancora vivo e cosciente mentre i dottori fanno di tutto per tentare di medicare, per quanto possibile, quella tremenda ferita.

Esistono molte controversie relative alla veridicità di questo video in rete. Alcuni affermano che sia un falso. Altri ne difendono l’autenticità. Altri ancora pensano che si tratti di un montaggio composto da due video differenti. Per quanto mi riguarda, vero o no, questo filmato è un perfetto deterrente per tutti coloro che abbiano in mente di compiere dei gesti poco intelligenti e molto pericolosi.

Link al video

Numero 4 – Il suicidio di Budd Dwyer

Budd Dwyer fu’ un politico statunitense che cadde in disgrazia in seguito ad un grande scandalo nel quale fu coinvolto. Accusato di corruzione, frode ed associazione a delinquere rischiava una condanna fino a 55 anni di carcere, oltre ad una salatissima multa da trecentomila dollari.

HM_Still3

Lo scandalo aveva avuto una grande risonanza. La carriera e la reputazione che Budd era riuscito a costruirsi nel corso di una vita di politica gli si erano letteralmente sgretolate tra le mani nel giro di pochi giorni.

Dwyer, nonostante le accuse, continuava a giurare di essere innocente, completamente estraneo allo scandalo. Ma questo non servì.

Fu in quel momento, quando l’uomo si rese conto che non vi era alcuna via d’uscita da quella situazione, che decise di indire una conferenza stampa. Tutti i mezzi di comunicazione furono interessati da questa conferenza. La stanza era gremita di giornalisti pronti a fare le loro domande a Dwyer, circondato dai suoi compagni politici. Budd iniziò
a fare il suo discorso. Un breve ringraziamento a Dio per la fortuna che aveva avuto nella sua vita. Un paio di frasi per ribadire la sua innocenza e la sua impotenza di fronte al sistema giudiziario a americano, ed in infine un breve addio alla sua famiglia. Dopo di che l’uomo estrasse una revolver e disse “Per favore, lasciate la stanza se questo vi può turbare”. E poi…successe.

Link al video

Numero 3 – Vijayan Mash

In questa posizione della classifica troviamo un altro video estremamente famoso. Un video che, ai tempi in cui venne reso pubblico, impressionò l’intera comunità del web.

Vijayan Mash era uno scrittore ed accademico indiano. Un uomo estremamente intelligente ed ammirato nel suo paese.

vijayan_mash

Il 3 ottobre del 2007 l’uomo stava tenendo una conferenza stampa nella quale esprimeva il suo parere riguardo ad uno scandalo politico che coinvolgeva il presidente indiano. Le domande dei giornalisti si susseguivano a ritmo serrato e Vijiyan stava rispondendo col suo tipico tono pacifico ed educato a tutte le domande. Tutto sembrava
procedere normalmente, e nessuno immaginava ciò che di li a pochi secondi sarebbe accaduto. Un attacco cardiaco stroncò la vita dell’uomo proprio li, di fronte ai giornalisti ed alle telecamere. Una vita che lentamente si spegne davanti a migliaia di occhi. Un’immagine estremamente forte ed impressionante.

05410408524719826A0A4E5F6BD3628A

Uno dei pochi video che, secondo me, è in grado di porci brutalmente di fronte alla morte nuda e cruda. Senza sangue, senza violenza…semplicemente la fine di una vita.

Link al video

Numero 2 – Kalpesh Suthar

Morire arsi vivi è probabilmente una delle morti più dolorose che esistono. La pelle che rapidamente si consuma divorata dalle fiamme. I liquidi corporei che cominciano a bollire per il calore. La carne che si fonde ai vestiti in un orrendo ammasso sanguinolento. Una morte raccapricciante, che però non fece desistere dal suo intento il giovane protagonista di questo impressionante video. Kalpesh Suthar era un ragazzo indiano di 29 anni, che scelse l’immolazione come metodo di suicidio. Era un carpentiere che fu’ fermato dalla polizia a causa di una lite violenta avuta con la sua matrigna. Il ragazzo rimase per pochi giorni in cella, ma gli abusi che subì dalla polizia lo segnarono profondamente, spingendolo ad un gesto estremo per portare una luce una realtà purtroppo largamente diffusa nel suo paese.

Kalpesh decise di darsi fuoco davanti alla stazione di polizia all’interno della quale era stato rinchiuso.

india-auto-inmolacion-frente-a-una-estacion-de-policia

Ma su questa vicenda, già di per se molto drammatica ed impressionante, si apre una nuova voragine di orrore. Si scoprì infatti che furono due giornalisti locali a convincere il ragazzo a scegliere l’immolazione come metodo di protesta. Lo convinsero a cospargersi di cherosene e darsi fuoco davanti alla stazione di polizia per richiamare l’attenzione dei media.

Promisero anche che, dopo averlo filmato per alcuni secondi, lo avrebbero aiutato a spegnere le fiamme. Purtroppo però, la seconda parte della loro promessa, non venne mantenuta. I giornalisti si limitarono a filmare il ragazzo fino al momento della sua morte. Grida orribili di dolore accompagnano il video per interminabili secondi. Secondi intrisi di dolore, paura e disperazione.

Link al video

Numero 1 – 1 lunatic 1 ice pick

Pochi filmati possono essere paragonati per brutalità, violenza e follia al video conosciuto dal popolo del web come 1 lunatic 1 ice pick.

Questo filmato, degno dei recessi più profondi del deep web, è tanto rivoltante quanto facilmente reperibile.

Luka Magnotta era un pornoattore omosessuale canadese dal passato burrascoso e afflitto da diversi problemi mentali molto gravi.

luka-magnotta.jgg_

Un giorno di maggio del 2012 la sua follia si sprigionò in tutta la sua potenza. Luka, dopo avergli somministrato una massiccia dose di droghe, seviziò ed uccise Lin Jun uno studente universitario in trasferta in Canada. Secondo alcune voci il giovane asiatico era l’amante di Magnotta.

Dopo aver smembrato il cadavere ed inviato alcune parti del corpo alla sede del partito conservatore canadese Luka si dette alla fuga, per poi essere arrestato e condannato all’ergastolo.

La vicenda più impressionante di questa storia è che l’efferatezza del delitto venne immortalata in un filmato
che, caricato dallo stesso Luka su internet, comparve per la prima volta sul sito Bestgore.com nel maggio del 2012.
Nel filmato possiamo vedere Lin completamente nudo legato ad un letto ed incappucciato. Il terrore del giovane è palpabile mentre Luka gli si avvicina stringendo tra le mani un rompighiaccio ed un coltello da cucina. Da questo momento il video diviene sempre più impressionante e sanguinoso. Un vortice discendente  nella follia e nella malvagità pura.

La gola del ragazzo viene tagliata, il coltello affonda nelle sue carni fino a tranciarne la testa. Dopo di che Magnotta inizia  a seviziarne il corpo facendolo a pezzi. Incide profonde ferite sul corpo del ragazzo. Ne amputa le braccia e le gambe. Aiutandosi col coltello da cucina inizia a tagliare brandelli di carne dai resti smembrati di Lin e li dà da mangiare al suo gatto. Successivamente comincia a compiere disgustosi atti necrofili col cadavere, ormai ridotto ad un torso insanguinato. I resti di Lin verranno rinvenuti pochi giorni dopo in una valigia abbandonata tra i rifiuti in un vicolo di Montreal.

Un video orrendo e profondamente deviato, la rappresentazione visiva della follia umana nella sua forma più sadica e raccapricciante.

Link al video

Se questo articolo ti è piaciuto ricordati di visitare il mio CANALE YOUTUBE.

Annunci

I 6 POSTI PIU’ INQUIETANTI DEL WEB

Cosa può nascondere il web? Quali siti criptici, misteriosi o disturbanti si celano nelle profondità di internet? Navigando per qualche ora alla ricerca di questi strani portali se ne potranno trovare veramente moltissimi. Siti che contengono video o fotografie veramente terrificanti, siti dal significato nascosto e sconosciuto, siti che trasudano follia pura. In questa mia nuova classifica vi racconterò quali sono, secondo me, i 6 posti più inquietanti del web.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

Numero 6 – Last Words

“Siamo finiti”. “Amy, ti amo”. “Mamma ti voglio bene”. Queste sono le ultime parole pronunciate da persone che sono morte in una maniera atroce.

dthh

Il sito Last Words è un portale dedicato alla raccolte delle ultime parole dette dagli equipaggi di aeroplani che si sono schiantati al suolo. Le ultime parole di persone che hanno visto la morte avvicinarsi a loro, fino a prenderli, secondo dopo secondo, mentre il loro aereo si avvicinava inesorabilmente al suolo privo di controllo. E’ un sito che trasuda grande tristezza. Al suo interno è possibile visionare per intero le trascrizioni dell’audio recuperato dalle scatole nere dei velivoli e dalle comunicazioni fatte con la torre di controllo. Se volete cercare di capire cosa possa passare per la mente di un uomo che si è appena reso conto che la sua vita sta per avere una fine prematura, questo sito, può certamente darvi una mano.

Numero 5 – Sentimental corp

Questa pagina è praticamente sconosciuta e molto poco visitata, quindi le informazioni a nostra disposizione sono poche. Ciò nonostante questo sito è veramente molto interessante ed inquietante.

zzzzzzzzzzzzzzzzz

Sentimental Corp sembra un laboratorio psicologico online, caratterizzato da una forte critica sociale. Il sito è estremamente misterioso. Al suo interno sono presenti moltissimi video lunghi anche più di un’ora e dal contenuto antisociale e criptico, spesso violento.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

Mano a mano che si prosegue nella navigazione ci si rende conto che il sito, all’apparenza molto piccolo, risulta essere enorme…tanto che ad oggi quasi nessuno è riuscito a stabilire con esattezza quanto sia esteso. Alcune voci sostengono che il sito sia gestito dagli illuminati, ma l’assenza di prove a sostegno di tale affermazione rende questa ipotesi molto improbabile.

z

Sentimental Corp, un sito misterioso ed inquietante, che sembra voler mettere alla prova la sanità mentale
del visitatore secondo dopo secondo.

Numero 4 – Rotten/Bestgore

Il gore e il sangue, suscitano sempre un fascino morboso in molte persone. Su internet esistono una grande quantità di siti che si occuppano di soddisfare questa macabra curiosità. Tra i contenitori di gore più famosi e conosciuti spiccano sicuramente portali come Rotten e BestGore.

11

Entrambi questi siti presentano al loro interno un’enorme galleria di fotografie e video divisa in categorie. Dalle amputazioni ai corpi in decomposizione, dalle ferite più impressionanti alle mutilazioni genitali.

images

Qualunque tipo di contenuto disturbante e sanguinolento può essere trovato su questi due portali. Entrambi questi siti, nel corso degli anni, hanno avuto diverse grane legali, ma nonostante tutto sono ancora oggi aperti e tranquillamente visitabili. BestGore e Rotten, due portali web non adatti a tutti i cui contenuti sfociano nel grottesco oltre ogni limite.

Numero 3 – Stillborn Angels

Il dolore che una madre prova per la perdita di un figlio è inimmaginabile e straziante. Una sensazione talmente forte che difficilmente può essere descritta a parole.

Dovete però sapere che esiste un piccolo angolo di internet dove questo dolore diviene tangibile sotto forma di sito web.

q

Stillborn Angels, tradotto Angeli che nascono morti, è un sito creato da alcune madri con l’intento di rendere omaggio ai loro bambini morti durante il parto o poco dopo. Di per sè il concetto appare molto nobile e toccante, ma c’è qualcosa in questo sito che è in grado di turbarci profondamente, la sezione dell’album fotografico.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

In questa parte del sito sono presenti decine di fotografie raffiguranti i corpi dei bambini nati morti. Alcune di queste fotografie sono veramente terribili. Possiamo vedere i piccoli cadaveri stretti al petto delle loro madri, col volto sfigurato dal dolore e dal pallore della morte. Un sito web che nasce da un nobile intento, ma che
inevitabilmente è in grado di trasmettere grande inquietudine e tristezza.

Numero 2 – Fifth nail

Al secondo posto della classifica troviamo un blog, aperto dal signor Joseph Edward Duncan III. Fifth Nail.

zzzzzzzzzzzzzzz

Joseph è un’assassino seriale che violentò ed uccise sette bambini e Fifth Nail era il suo diario online.

Joseph-Duncan-mugshodt200

E’ molto affascinante vedere, leggendo i vari post dell’assassino, come la follia poco per volta si sia insinuata nella sua anima. Dal primo posto che sembra essere stato scritto da una persona apparentemente normale, gradualmente si cade in un vortice di follia che raggiunge il culmine nel post intitolato “I demoni hanno preso il sopravvento”.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

L’uomo stava lentamente cedendo alla follia omicida, e Fifth Nail documenta tutto il processo.
L’ultimo post di Joseph risale a maggio del 2005, scritto poche settimane prima che la polizia lo catturasse. E’ inevitabile rimanere sconcertati ed impressionati durante la lettura del blog. I demoni erano finalmente riusciti a prendere il controllo della sua vita. A distanza di pochi giorni da questo post Joseph iniziò ad uccidere. Oggi sta ancora scontando la sua pena, consistente in 6 ergastoli.

Numero 1 – Cannibalism Forum

Se mi seguite da un po’ di tempo certamente conoscerete il caso di Armin Meiwes, il cannibale tedesco che uccise, macello e divorò Bernd Jürgen Brandes.

maxresdefault

L’atto commesso da Meiwes fu veramente atroce e grottesco, ma Brandes non fu’ una vittima. L’uomo, infatti, decise volontariamente di farsi divorare da Meiwes. I due si conobbero su un sito chiamato Cannibal Cafè forum. Li, dopo un breve scambio di parole, decisero di incontrarsi per pianificare nei dettagli l’inquietante pasto. Il Cannibal cafè forum venne
chiuso proprio a causa di questa vicenda. Ma, anche senza di lui, esistono molti altri forum simili che possono essere trovati senza troppe difficoltà. uno su tutti è il Cannibalism Forum.

asddadfasdasd

Un sito dove persone di ogni estrazione sociale e provenienza possono discutere liberamente della loro macabra ossessione. Giovani, padri di famiglia, uomini e donne…gente di ogni tipo frequenta questo angolo del web. Questo sito fa risollevare il quesito che già mi posi riguardo alla storia di Meiwes.

Data la quantità di siti simili al Cannibalism forum, e il grande numero di frequentatori, persone normali ed insospettabili, è inevitabile chiedersi dove possa nascondersi il prossimo Armin Meiwes.

Se questo articolo ti è piaciuto ricordati di passare dal mio CANALE YOUTUBE.

I 5 OSPEDALI PIU’ SPAVENTOSI DEL MONDO – Video

Nuovo video di D. Thecnocaos.
In questa classifica vi racconterò gli avvenimenti orribili accaduti nei 5 ospedali più spaventosi del mondo. Luoghi dove sono avvenute sperimentazioni terribili e soprusi inimmaginabili.

Se questo video ti è piaciuto ricordati di iscriverti al mio CANALE YOUTUBE.

I 5 OSPEDALI PIU’ SPAVENTOSI DEL MONDO

Gli ospedali sono luoghi associati da sempre al dolore e alla sofferenza. Se da un lato essi ci permettono di sopravvive§re ad alcune delle patologie più gravi, dall’altro sono i posti dove la gente muore. All’interno di un’ospedale la concentrazione di dolore, fisico e psicologico, è sempre terribilmente elevata.

Ma quali sono gli ospedali più spaventosi del mondo, quelli dove si sono consumate le tragedie più gravi o i fatti più sconvolgenti?

In questo video cercherò di dare una risposta a questa domanda. Vi racconterò gli avvenimenti orribili accaduti nei 5 ospedali più spaventosi del mondo.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzjzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

 
Numero 5 – Ospedale di Pripyat (Ucraina)

L’ospedale di Pripyat guadagna a pieno diritto la quinta posizione di questa classifica. La struttura, oggi abbandonata, oltre ad essere molto lugubre fu anche testimone di una delle tragedie più grandi che l’umanità abbia mai conosciuto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questo luogo lavorava come un normalissimo ospedale, le cui attività scorrevano monotone e tranquille, almeno fino al 26 aprile 1986, il giorno in cui avvenne la terribile ecatombe che tutti conosciamo.

I reattori della centrale nucleare di Chernobyl esplosero.

chernobyl-factory-a49c7d55-3076-4ea3-92b5-204e1a8d86ff

Pripyat fu investita dall’urto dell’ esplosione e dall’ondata di radiazioni. Le persone che abitavano nella zona subirono delle ferite terribili. I loro corpi rimasero brutalmente dilaniati, le loro carni vennero tremendamente ustionate dalle radiazioni e dal calore scaturito dai reattori della centrale.

nag4

Il disastro nucleare colpì tutti. Uomini, donne e bambini.

I figli di coloro che furono esposti alle radiazioni nacquero orribilmente deformati.

chernobyl-disaster-children

Fu proprio l’ospedale di Pripyat ad accogliere le vittime dell’esplosione in un primo momento.

Immaginate la paura ed il dolore straziante delle persone ricoverate in quella struttura. Persone che avevano perso tutto e tutti. Persone il cui corpo, distrutto dall’incidente, procurava dolori agghiaccianti.

E’ innegabile che l’ospedale di Pripyat, a causa della sofferenza che ha visto e del suo attuale stato di abbandono, sia uno degli ospedali più terrificanti del pianeta, situato in una zona ancora oggi pericolosa a causa dell’alto livello di radioattività presente.

 
Numero 4 – Il Waverly Hills Sanatorium (Kentucky – USA)

Tra il 1800 ed il 1900 l’America fu devastata da una grave epidemia mortale conosciuta da molti come “la peste bianca”, ovvero la Tubercolosi.

Tuberculosis

Al fine di combattere questo terribile male venne costruito, tra il 1924 ed il 1926, il Waverly Hills Sanatorium. All’interno di questo luogo le persone venivano curate.

Il problema è che all’epoca una cura per la tubercolosi non esisteva e spesso i trattamenti risultavono disumani e molto dolorosi.

I polmoni dei pazienti venivano esposti a luce ultravioletta per contrastare la proliferazione batterica. Siccome si pensava che l’aria fresca fosse salutare per i malati, i letti venivano posizionati di fronte a delle grandi finestre o trasportati direttamente fuori dalla struttura.

waverly_beds

I pazienti venivano tenuti all’aperto e completamente nudi sia d’estate che d’inverno.

cbfe399944aa982d295a26c00a5813710a9277

Spesso venivano impiantati dei palloncini protesi all’interno dei polmoni dei pazienti che poi venivano riempiti di aria. Altre volte costole e muscoli del torace venivano asportati per permettere ai polmoni di espandersi maggiormente.

Inutile dire che queste procedure spesso portavano alla morte dei pazienti.

Il Waverly Hills Sanatorium ebbe il suo periodo d’oro durante la fase più drammatica dell’epidemia di tubercolosi ma, quando venne scoperta una cura per la malattia, cadde lentamente in declino.

Waverly29

WAVERLY068

Spooky-Waverly-Hills-Sanatorium

In questo ospedale molte persone persero la vita tra atroci sofferenze.

Ma non si trattava solamente di pazienti.

Nel 1928 una caposala fu trovata morta nella camera 502. Si era suicidata impiccandosi ad un lampadario. Quando il cadavere venne rinvenuto si scoprì un particolare raccapricciante.

La donna era incinta.

La depressione che la portò al suicidio fu scatenata proprio dalla gravidanza. Infatti si pensa che il padre del bambino, presumibilmente il direttore del sanatorio, le avesse intimato di abortire, pena il non riconoscimento del figlio. La donna colta dalla disporazione non trovò soluzione diversa dall’impiccagione. Nel 1932 un’altra infermiera si tolse la vita, gettandosi dal tetto di una terrazza. Il motivo di questo gesto rimane un mistero.

A causa dei terribili avvenimenti che si consumarono nella struttura ed ai frequenti avvistamenti paranormali oggi, il Waverly Hills Sanatorium, è considerato uno dei luoghi più infestati degli stati uniti.

littleboywaverly

ghost 41 fam

 

Numero 3 – Ospedale psichiatrico di Gonjiam (Gyeonggi-do Sud corea)

Questo ospedale psichiatrico si guadagna la terza posizione della classifica per due motivi. Il primo è l’aspetto tetro che caratterizza la struttura oggi abbandonata.

3

Il secondo è il motivo per il quale l’ospedale venne chiuso.

I pazienti della struttura infatti morivano senza un’apparente ragione. Notte dopo notte i cadaveri venivano ritrovati al ritmo di uno al giorno.

10-1

La leggenda vuole che il proprietario dell’ospedale, presumibilmente pazzo anche lui, trattasse i suoi pazienti come
prigionieri arrivando ad ucciderli per puro sadismo. Ma ciò è improbabile. Infatti le cause della morte dei pazienti erano molto varie. Alcuni morirono per cause naturali, altri per incidenti, altri ancora si suicidarono oppure vennero uccisi dagli altri ospiti della struttura. L’unica cosa che non variava era il ritrovamento dei cadaveri, puntuale ogni notte. A causa della reputazione sinistra del luogo e di problemi economici l’ospedale venne abbandonato per sempre insieme ai misteri che lo accompagnavano.

833dX5G

Cosa causava quella mortalità così elevata all’interno della struttura? Probabilmente non lo sapremo mai.

 
Numero 2 – Ospedale statale di Topeka (Kansas – USA)

Se al mondo esistono dei luoghi che poco hanno da invidiare all’inferno, uno di questi fu certamente l’Ospedale statale di Topeka.

askld

In questo luogo, famoso per le sterilizzazioni forzate che venivano operate su criminali e malati di mente, la brutalità ed il sadismo erano legge. I pazienti che alzavano la voce o osavano mettere in dubbio le autorità dell’ospedale venivano legati a delle sedie per giorni interi. A volte rimanevano immobilizzati anche per mesi.

3e6638b31a454e707c831206ef3d82a3

I nodi erano talmente stretti da causare cancrene ed infezioni agli arti. Un caso famoso fu quello di un paziente la cui pelle lacerata cominciò a crescere sopra alle corde che lo tenevano immobilizzato ormai da mesi.

I malati venivano completamente isolati dal mondo. Erano costretti a stare all’interno delle loro camere 24 ore su 24 7 giorni su 7, ed obbligati a rimanere in silenzio. Ai pazienti non era concesso di fare nulla, non gli era permesso alcuno svago. I contatti con gli altri residenti della struttura erano il più possibile limitati.

Topeka-State-Hospital-Patients

Una vita fatta di terrore e soprusi, che spesso culminavano con la morte.

Questa situazione, iniziata nel 1872 con l’apertura dell’ospedale durò fino agli anni 40, quando le riforme inerenti al trattamento etico dei pazienti vennero applicate anche in questa struttura.
Medici, infermieri ed aiutanti…tutti commisero abusi.

L’ Ospedale statale di Topeka un luogo dove si poteva sperimentare l’inferno in terra.

TopekaKS_PC_01_WEBEDIT
Numero 1 – Ospedale statale di Trenton (New Jersey – USA)
Questo ospedale, nei primi anni del 900, era adibito alla cura delle malattie mentali. Sembrava una struttura modello, estremamente avanzata e rispettosa dei diritti umani.

3e-trenton-state-hospital

In realtà, dietro a questa facciata di modernità, si nascondeva una verità terribile. I pazienti della struttura erano utilizzate come cavie per la sperimentazione medica.
Il dottor Henry Cotton era il medico direttore dell’ospedale. Era convinto che tutte le patologie mentali fossero causate da infezioni presenti all’interno dell’ organismo. La sua soluzione al problema era tanto semplice quanto brutale. L’unico modo per curare la follia era asportare chirurgicamente le parti del corpo considerate infette.

Cotton

Questa teoria era errata, ma nonostante ciò le sperimentazioni di Cotton furono numerosissime.

A molte persone vennero strappati i denti. Agli uomini venivano asportati i testicoli e la vescica, alle donne ll’utero e le ovaie. Il tasso di mortalità di questi interventi era del 45%.

La paura dilagava tra gli ospiti della struttura, terrorizzati dalla possibilità di finire sotto ai ferri di Cotton, cosa che spesso accadeva contro la loro volontà.

4RtO1Vz

In fondo erano i primi anni del 900 ed i malati mentali non avevano alcun diritto.

L’ospedale di Trenton, nonostante fosso uno dei più tecnologicamente avanzati, si era tramutato in un vero e proprio incubo, pieno com’era di pazienti mutilati ed incapaci di comunicare correttamente e di alimentarsi in autonomia.

Tutto ciò accadeva mentre fuori dalle mura dell’ospedale Cotton era considerato un luminare della scienza medica.

Le sperimentazioni proseguirono fino al 1930, anno in cui il dottore andò in pensione.

trenton-state-hospital-abandoned-7

A causa delle sperimentazioni brutali, dell’elevatissimo tasso di mortalità dei pazienti e del terrore che aleggiava nella struttura non esito a definire l’ Ospedale statale di Trenton l’ospedale più terrificante del mondo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto ricordati di fare un salto sul mio CANALE YOUTUBE.